domenica 30 novembre 2008

Il significato dell'Avvento


Il tempo dell’Avvento è tempo di attesa

Gesù sta di fronte alla porta e bussa (Ap 3,20); del tutto realmente, egli ti scongiura di essere aiutato nella forma del mendicante, del bambino vestito miseramente, ti viene incontro in ogni uomo che ti si para davanti. Cristo peregrina sulla terra finché ci sono uomini che sono il tuo prossimo, che sono lo strumento con cui Dio ti chiama, ti appella, ti rivolge richieste. Questa è la più grande serietà e la beatitudine del messaggio dell’Avvento. Cristo sta di fronte alla porta, vive nella figura dell’umanità fra di noi, gli vuoi aprire le porte o gliele vuoi chiudere?
Ci può suonare strano di vedere in un volto così vicino Cristo, ma egli ha detto che chi si sottrae alla serietà del messaggio dell’Avvento, nemmeno può parlare in cuor suo della venuta di Cristo.
[…]
Cristo bussa, non è ancora Natale, ma non è nemmeno l’ultimo grande Avvento, l’ultima venuta di Cristo, e con tutti gli avventi della nostra vita che festeggiamo, il desiderio va verso l’Avvento definitivo, dove si dice: «Ecco, faccio nuove tutte le cose» (Ap 21,5).
Il tempo dell’Avvento è tempo di attesa, ma la nostra intera vita è tempo di Avvento, il che significa di attesa del tempo ultimo, quello in cui saranno cielo e terra nuovi.



citazione da:
Dietrich Bonhoeffer, Voglio vivere questi giorni con voi,
a cura di Manfred Weber, traduzione di Andra Aguti e Guido Ferrari, (books),
Editrice Queriniana, Brescia, 2007 p. 378.

Culto a Biella - Domenica 30 novembre 2008

Domenica 30 novembre 2008
1a  NELL'AVVENTO
inizio dell'Anno Liturgico

Chiesa Evangelica Valdese di Biella

predicazione a cura di: Arcangelo Giuseppe Caccamo



Fa' risplendere sul tuo servo la luce del tuo volto; salvami per la tua benevolenza
(Salmo 31,16)

Ringraziate con gioia il Padre che vi ha messi in grado di partecipare alla sorte dei santi nella luce 
(Colossesi 1,12)

Illuminaci, Signore, con la tua luce. Rallegraci con la tua venuta. 
Esultiamo della tua redenzione.
Rendici degni perché possiamo, con le schiere celesti, vestiti di luce, insieme con gli angeli e i sapienti, intonare, pieni di gratitudine, un cantico di lode alla tua gloriosa Trinità. 
Creatore che regni sull'universo, Creatore che non hai bisogno del nostro servizio, Creatore della luce nella tua bontà, vincitore delle tenebre nella tua sapienza, Signore, dell'universo per tutta l'eternità. Amen.
                                      Efrem il Siro

venerdì 28 novembre 2008

giovedì 27 novembre 2008

Montagna Terra di Libertà - Tavo Burat

Per scaricare il documento completo qui

mercoledì 26 novembre 2008

Per un sano calcio

Sacco e Vanzetti

Leggi un saggio del libro qui

martedì 25 novembre 2008

I HAVE A DREAM


La Chiesa Evangelica Valdese di Chivasso
organizza, in collaborazione con:
Le Lezioni di Politica – laboratorio chivassese

I HAVE A DREAM: MARTIN LUTHER KING
A QUARANT’ANNI DALLA MORTE.

UNA LEZIONE PER I NOSTRI TEMPI


Venerdì 28 novembre 2008 ore 21
Sala Consiliare - Piazza Generale Carlo A.Dalla Chiesa
Chivasso

Relatori
Jean-Félix Kamba Nzolo
Teologo, pastore valdese nelle Chiese Metodiste
di Verbania-Intra, Omegna, Luino, Domodossola
Sergio Soave
Docente universitario del Novecento

domenica 23 novembre 2008

NUOVA GRANDE OPERA EINAUDI EDITORE


Le religioni e il mondo moderno   I
A cura di Giovanni Filoramo

Cristianesimo
A cura di Daniele Menozzi

Redazione: Anna Maria Farcito
Traduzioni: Emilio Picco (Protestantesimo e mondo moderno); 
Fabrizio Vecoli (Il cristianesimo e la guerra modernaIl cristianesimo e  l'emancipazione dei popoli extraeuropei; Il cristianesimo e l'arte moderna (1870-2005); I cristiani in Medio Oriente nel XX secolo: tra modernizzazione e islamizzazione; Cristianesimo e postmodernità: il cattolicesimo; Il protestantesimo durante la crisi della modernità;
Einaudi, Torino, 2008, pp. LXX + 648, 
con apparato illustrativo,

www.einaudi.it



Autori e tematiche:

Parte prima. Dalla promozione allo scontro col moderno.
Quadri d'insieme

VOLKER LEPPIN
Protestantesimo e mondo moderno

PAOLO PRODI
Cristianesimo e modernità 

MARCELLO GARZANITI
Il mondo dell'ortodossia nell'età moderna


Parte seconda. Dalla promozione allo scontro col moderno. 
Analisi

GIACOMO TODESCHINI
Cristianesimo e modernità economica

UGO BALDINI
La chiesa cattolica e le scienze (secoli XVI-XVIII)

GIAN MARIO CAZZANIGA
Il confronto con la massoneria

MARIO ROSA
Il confronto con i Lumi: il cattolicesimo

ROBERTO BORDOLI
Il confronto con i Lumi: il protestantesimo

MARINA CAFFIERO
Lo scontro con la Rivoluzione francese. Strategie di una riconquista


Parte terza. Le chiese cristiane nel labirinto del moderno. 
Quadri d'insieme

GUIDO VERUCCI
Il cattolicesimo: tra intransigentismo e modernizzazione

MASSIMO RUBBOLI
Protestantesimo e modernità

ROBERTO MOROZZO DELLA ROCCA
Ortodossia e modernità


Parte quarta. Le chiese cristiane nel labirinto del moderno.
Analisi

MARCO BIANCHINI
Il cristianesimo e le rivoluzioni industriali

GUGLIELMO FORNI ROSA
Scienza e religione: i modernismi cristiani

PIER GIORGIO ZUNINO
Cattolicesimo e democrazia tra Otto e Novecento,
da de Maistre e Péguy

RENATO MORO
Le chiese e la modernità totalitaria

JEAN-MARIE MAYEUR
Il cristianesimo e la guerra moderna

GIOVANNI VIAN
Il Concilio Vaticano II: una riconciliazione con il mondo moderno?

JEAN-FRANÇOIS ZORN
Il cristianesimo e l'emancipazione dei popoli extraeuropei

FRANÇOIS BŒSPFLUG
Il cristianesimo e l'arte moderna (1870-2005)


Parte quinta.  Il cristianesimo nel mondo moderno

CATHERINE MAYEUR-JAOUEN
I cristiani in Medio Oriente nel XX secolo:
tra modernizzazione e islamizzazione

Vincenzo Ferrone
Il cristianesimo e i diritti dell'uomo

DANIÈLE HERVIEU LÉGER
Cristianesimo e postmodernità: il cattolicesimo

JEAN-PIERRE BASTIAN
Il protestantesimo durante la crisi della modernità

GIUSEPPE RUGGIERI
Una religione civile alla fine delle ideologie?



Elenco delle illustrazioni fuori testo

1.  Félicien Rops, La Tentazione di Sant'Antonio, matite colorate, 1878,
    Bruxelles, Bibliothèque Royale, Cabinet des Estampes

2.  Eugène Delacroix, Lotta di Giacobbe con l'angelo, affresco, 1850.
    Parigi, Saint-Sulpice.

3.  Vincent Van Gogh, Pietà (da Delacroix), olio su tela, 1889.
    Amsterdam, Van Gogh Museum

4.  Paul Gauguin, Autoritratto con Cristo giallo, olio sul tela, 1890-91.
     Parigi, Musée d'Orsay.

5.  Maurice Denis, Mistero cattolico, olio su tela, 1890.
     (Foto Scala, Firenze).

6.  Emil Nolde, La Crocifissione, pannello centrale del trittico La vita di Cristo, olio sul tela,            1911-12.
     Seebüll, Fondazione Ada und Emil Nolde.

7.  Lovis Corinth, Il Cristo rosso, olio su tela, 1922.
     Monaco, Staatsgalerie Modernier Kunst.
     (Foto Bridgeman/Archivi Alinari, Firenze).

8.  Alexei von Jawlensky, Volto di Santo: Cristo, olio su tela, su cartone, 1920.
      Long Beach, Long Beach Museum of Art.

9.  Max Ernst, La Vergine punisce Gesù bambino davanti a tre testimoni, olio su tela,
      1926.
      Colonia, Museum Ludwig.

10. Pablo Picasso, La Crocifissione, olio suo compensato, 1930.

11.  Marc Chagall, Crocifissione bianca, olio su tela, 1938.
      Chicago, Art Institute of Chicago

12.  Alfred Manessier, David, olio sul tela, 1948.
      Amsterdam, Stedelijk Museum

13.  Francis Bacon, Frammento di una crocifissione, olio sul tela, 1950.
       Eindhoven, Stedelijk van Abbemuseum.

14. Georg Baselitz, La Lamentazione, olio su tela, 1983.
      Houston, Museum of Fine Arts

15.  Salvador Dalì, Il Cristo di Gala, olio su tela, 1978.

16.  Antonio Saura, Crocifissione, olio su tela, 1979.
       Madrid, Centro de Arte Reina Sofia.

17.  Arnulf Rainer, Croce, olio su tela, 1987-90.




                     Piano dell'opera:

                              Le religioni e il mondo moderno
                                  a cura di Giovanni Filoramo

              1
                Cristianesimo

              2
                 Ebraismo

              3
             Islam

              4
                               Nuove tematiche e prospettive

BERTOLT BRECHT - LA DISTANZA DA TUTTI I POTERI

Il signor Keuner e la questione dell'esistenza di Dio
Un tale chiese al signor Keuner se esiste un Dio.
Il signor Keuner rispose: Ti consiglio di riflettere se la
tua condotta cambierebbe a seconda della risposta. Se
non dovesse cambiare potremmo lasciar cadere la
domanda.
Se invece cambiasse potrei almeno aiutarti se non altro
dicendoti che hai già deciso: tu hai bisogno di un Dio.
- Bertolt Brecht, Storie del Signor Keuner, Prima edizione
integrale, Traduzione di Cesare Cases ed Enrico Gianni,
Prefazione di Moni Ovadia, Einaudi,
Torino, 2008, pp. VIII+144, alla p. 54
del libro Il signor Keuner e la questione
dell’esistenza di Dio è riportata la
famosa frase (con un refuso: singor) su
come la nostra vita cambi se prendiamo
sul serio la questione di Dio non come
domanda per la teoria ma per la pratica
quotidiana feriale e festiva in relazione
con il Dio d’Israele-Dio di Gesù Cristo.
Brecht era ateo? È possibile: riusciva a
fare una critica della religione tagliente
e incisiva, ma questo è compito che riguarda innanzitutto i
credenti che devono esercitarsi nella pratica della critica
della religione. Esercitarsi, cioè, nella critica dell’idolatria
per lasciare spazio alla fede genuina che è sempre oltre
agli idoli che ci attraversano il cammino, alla ricerca non di
un dio ma del Dio vero e vivo.
Bertolt Brecht (1898-1956), i suoi lavori teatrali hanno
segnato una svolta epocale nella Storia del Teatro. Un teatro
impegnato socialmente in cui i riferimenti ai vizi del potere
comunque mascherato sono sempre attuali svelando orrori,
miserie ed abusi nel tentativo di trasformare la realtà.
Una edizione attesa dal pubblico italiano. Alcune delle storie
presentate erano già state pubblicate in traduzione sempre
da Einaudi (che ha pubblicato tutte le sue opere in italiano)
con il titolo Storie da calendario. Ora è presentata l’edizione
completa di questi racconti reperiti fra le carte di Brecht
risalenti al periodo zurighese.
«Le storie del signor Keuner sono un manuale di
sopravvivenza in tempi di esilio e di perdita di senso:
propongono la radicalità del pensiero come arma di
resistenza per non soccombere al mondo e a se stessi. Il
pensiero, per esprimere tutta la sua efficacia, non deve in
nessun caso cedere alle lusinghe di qualsivoglia ideologia,
neppure la più seduttiva, neppure quella dell’intelligenza
come limite invalicabile.» Moni Ovadia (p. VII)
Keuner come alter ego di Brecht è il personaggio che si
muove in parabole, aneddoti, aforismi: un genere letterario
sapienziale, e come rammenta Moni Ovadia nella
Prefazione, Keuner porge dei dubbi e così facendo con
ironia «prende le distanze da tutti i poteri e svela l’ipocrisia
degli uomini suggerendo che la verità sta sempre da un’altra
parte rispetto a dove la si cerca». www.einaudi.it



tratto da: «Tempi di Fraternità», n. 8, anno trentasettesimo, ottobre 2008,
Maurizio Abbà, rubrica Librarsi, p. 12.

BIELLA VALDESE: ELETTO IL CONSIGLIO DI CHIESA



Domenica 23 gennaio 2008
L'Assemblea della Chiesa Evangelica Valdese di Biella 
ha eletto i membri del Consiglio di Chiesa:

al termine della votazione
risultano eletti (in ordine alfabetico):

- Gustavo BURATTI detto Tavo BURAT
- Arcangelo Giuseppe CACCAMO
- Lilia CIMMA
- Carmela D'URSI
- Pietro MAGLIOLA
(nuovo eletto)
- Ludovica PEPE DIAZ

con il pastore valdese Maurizio ABBÀ formano il Consiglio di Chiesa della Chiesa Evangelica Valdese di Biella - Piedicavallo.

Massimiliano ZEGNA ha chiesto di non essere rieletto,
per il servizio svolto nel Consiglio di Chiesa la Comunità Valdese lo ringrazia.

sabato 22 novembre 2008

Culto a Biella - Domenica 23 novembre 2008 e Assemblea di Chiesa


CHIESA EVANGELICA VALDESE di BIELLA
Via Fecia,9/c - BIELLA
Domenica 23 novembre 2008
Domenica dell'Eternità
Ultima Domenica dell'Anno Liturgico
28a DOPO PENTECOSTE

CULTO DI ADORAZIONE E LODE 
ore 10.00

Rendimi la gioia della tua salvezza e uno spirito volenteroso mi sostenga
(Salmo 51,12)

Il cieco guarito disse: «Quell'uomo che si chiama Gesù fece del fango, me ne spalmò gli occhi e mi disse: "Va' a Siloe e lavati". Io quindi sono andato, mi son lavato e ho ricuperato la vista»
(Giovanni 9,11)

Vi è più forza salvifica e potenza di guarigione in un solo sputo di Gesù Cristo che in tutti i migliori sforzi di qualsiasi essere umano.

                                                                            Goran Aimsen

(tratto da: Un Giorno Una Parola 2008, edizione italiana, editrice Claudiana, p. 264)

Liturgia a cura del pastore valdese Maurizio Abbà
Predicazione a cura di: LILIA CIMMA ZALDERA
Testi Biblici della Predicazione: 

Isaia 42,1-4
Il servo del Signore

1 «Ecco il mio servo, io lo sosterrò;
il mio eletto di cui mi compiaccio;
io ho messo il mio spirito su di lui,
egli manifesterà la giustizia alle nazioni.

2 Egli non griderà, non alzerà la voce,
non la farà udire per le strade.

3 Non frantumerà la canna rotta
e non spegnerà il lucignolo fumante;
manifesterà la giustizia secondo verità.

4 Egli non verrà meno e non si abbatterà
finché abbia stabilito la giustizia sulla terra;
e le isole aspetteranno fiduciose la sua legge».

Matteo 12,14-21
Numerose guarigioni

14 I farisei, usciti, tennero consiglio contro di lui, per farlo morire.
15 Ma Gesù, saputolo, si allontanò di là; molti lo seguirono ed egli li guarì tutti; 
16 e ordinò loro di non divulgarlo,
17 affinché si adempisse quanto era stato detto per bocca del profeta Isaia:

18 «Ecco il mio servitore che ho scelto; il mio diletto, in cui l'anima mia si è compiaciuta.
Io metterò lo Spirito mio sopra di lui,
ed egli annuncerà la giustizia alle genti.

19 Non contenderà, né griderà
e nessuno udrà la sua voce sulle piazze.

20 Egli non triterà la canna rotta
e non spegnerà il lucignolo fumante,
finché non abbia fatto trionfare la giustizia.

21 E nel nome di lui le genti spereranno».




Domenica dell'Eternità
questa definizione sorge, in particolare, nella dimensione liturgica delle Chiese Luterane in Germania,
(mentre in ambito cattolico-romano questa Domenica, Ultima Domenica dell'anno liturgico, è denominata: Solennità di Cristo, re dell'Universo).

origine:

«Re Federico Guglielmo III di Prussia, con un ordine di gabinetto del 17 novembre 1816, dichiarò l’ultima domenica dell’anno liturgico Festa generale della Chiesa a ricordo dei defunti». In questa disposizione ebbe un ruolo la memoria dei caduti nelle guerre di liberazione (celebrazione avvenuta il 4 luglio 1816), ma anche per il lutto per la regina Luigia, morta nel 1810 e venerata quasi come un martire. Questa «festa dei morti» alla fine dell’anno ecclesiastico fu rapidamente assunta anche da altre chiese regionali e acquistò grande popolarità come Domenica dei morti. È usanza visitare i cimiteri e addobbare le tombe. La domenica dei morti è così, in certo qual modo, il pendant evangelico alla Commemorazione dei defunti. In essa si esprime chiaramente un profondo bisogno umano.
In verità la legittimità di una tale giornata è stata spesso contestata, con argomentazioni teologiche, a partire dal secolo scorso. L’Agenda luterana del 1955 evita la denominazione Domenica dei morti e parla invece di Ultima domenica dell’anno ecclesiastico (Domenica dell’eternità, Domenica dell’ultimo giorno). Nell’uso linguistico intraecclesiastico si è ampiamente affermata la denominazione Domenica dell’Eternità

(I dati sono tratti da: 
Karl-Heinrich Bieritz, Il Tempo e la Festa. L’Anno Liturgico Cristiano
traduzione di Lydia Marinconz, ("Dabar" Saggi teologici 25), Marietti 1820, Genova, 1996, 
p. 160»).

a seguire: 
Assemblea di Chiesa 
con elezione del Consiglio di Chiesa, relazione finanziaria, varie ed eventuali.


Buona Domenica e Buona Settimana!
CARA FAMIGLIA ENGLARO

La sentenza della Cassazione sul caso Englaro ha chiuso, finalmente, una delle più tristi pagine della nostra vita repubblicana. Si poteva temere che le vili pressioni mediatiche potessero intimorire i giudici: non è stato così, e con questa limpida sentenza è stato ribadito lo stato di diritto della nostra democrazia. Ne respira anche la laicità dello Stato, bene prezioso per la libertà di tutti i cittadini e in particolare per la famiglia Englaro che ha portato la propria croce per oltre 16 anni; una croce pesantissima di per sé, e resa ancora più pesante dalle inaudite e ignobili invettive pronunciate da persone irresponsabili e ciniche, del mondo politico come di quello religioso.
Quanti giudizi… e da quali pulpiti!
Cara famiglia Englaro, ora non possiamo che rivolgervi questo augurio: che l’amore che avete saputo dare alla vostra figlia continui a vivere dentro di voi e sia la forza della vostra vita, al di là delle tante parole-pietre prive di misericordia che vi sono state lanciate contro; e che possiate finalmente elaborare questo lutto difficile. Ma sentitevi anche accompagnati dall’affetto di molte persone che non si sono mai permesse di giudicarvi e che vi hanno capito.
La sentenza della Cassazione non ha chiuso il dibattito su che cosa si debba intendere per vita umana, al contrario, lo ha mantenuto aperto. È un caso che ora vi sia grande fretta di varare una legge sulle dichiarazioni anticipate di trattamento? Al di là di questa affrettata sensibilità che sembra volersi contrapporre alla sentenza della Cassazione, come mai è cresciuta, in questi anni, l’attenzione a questa specifica questione? Certamente il caso Welby e ora il caso Englaro hanno avuto una funzione di coscientizzazione di massa.
Dal momento in cui la tecnologia medica applicata al corpo umano ha fatto esplodere definitivamente il confine tra natura e vita, questa rottura ha modificato bruscamente e brutalmente l’immaginario del morire, della medicina e del medico. Questi ultimi possono essere amici, ma possono diventare dei potenziali nemici. E se dovesse succedere a me ciò che è successo a Eluana e a tante altre persone che sopravvivono in quelle condizioni? È ancora una società umana, una società che mi impone di continuare a vivere in condizioni di totale incoscienza, senza più relazioni con chi mi sta vicino? Uno stato vegetativo permanente (di questo si tratta) è ancora vita? Che senso può mai avere insistere sul principio astratto (e ideologico) di non-disponibilità della vita quando la vita stessa non è più disponibile per chi la vive?
Che senso può avere il principio di inviolabilità della vita quando quella vita è stata violata e distrutta dal male? La posizione dello Stato Vaticano e della gerarchia cattolica costituiscono veramente uno “straniero morale” inaccettabile per una comprensione evangelica della vita quale ci è testimoniata nelle Scritture. Qui non c’è alcun “evangelo della vita” ma l’esigenza di fare spazio alla vita dell’evangelo, al suo messaggio di liberazione e di promessa. C’è ancora spazio per pronunciare dei giudizi? L’invito evangelico a “non giudicare” richiede piuttosto la nostra conversione: sapere ascoltare la sofferenza e il dolore che gridano al cielo e cercano dei volti umani capaci di condividerli.

Ermanno Genre
docente di Teologia Pratica alla Facoltà Valdese di Teologia di Roma

tratto da: RIFORMA anno 144 - numero 45 - 21 novembre 2008, p. 1.
www.riforma.it

Eluana Englaro
Reazioni dei protestanti italiani


Roma (NEV), 19 novembre 2008 - "La decisione della Corte di cassazione sul caso Eluana Englaro va nella direzione della tutela della volontà personale di ciascuno: è un atto di giustizia e civiltà che finalmente risponde anche all'amore dei genitori per i propri figli", ha dichiarato il 14 novembre il pastore Domenico Maselli, presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI). "Si rende ora ancora più necessaria una legge sul testamento biologico. Siamo colpiti - ha aggiunto Maselli - da come per 16 anni si è potuto insistere ad ignorare la volontà chiaramente espressa da Eluana, e come alcuni credenti possano affidarsi più volentieri ad una macchina che all'azione del Signore, il quale è sempre pronto ad accogliere i suoi figli. Come cristiani siamo convinti che la lunghezza della vita non debba essere decisa da noi e, soprattutto, che dobbiamo realizzare la promessa di Gesù: avere vita in abbondanza. Pensiamo forse che il Padre celeste ci offra dopo la morte una vita peggiore di quella dataci dalla macchina? Teniamo ad esprimere la nostra vicinanza e rinnoviamo le nostre preghiere per la famiglia Englaro che affronta un altro momento eccezionalmente difficile e doloroso", ha concluso Maselli

Libertà di cura è anche libertà di rifiutare la cura

Il parere di Luca Savarino, 
coordinatore della Commissione bioetica della Tavola valdese

Roma (NEV), 19 novembre 2008 - "La sentenza che autorizza a sospendere il trattamento di alimentazione e idratazione che tiene in vita Eluana Englaro non può che essere accolta con sollievo, ma senza alcun trionfalismo. Si deve esprimere innanzitutto solidarietà umana e cristiana nei confronti della famiglia Englaro, coinvolta in una scelta tragica", sono le parole di Luca Savarino, coordinatore della "Commissione della Tavola valdese per i problemi etici posti dalla scienza" (Commissione bioetica), a seguito della decisione della Corte di Cassazione sul caso Englaro dello scorso 13 novembre. All'Agenzia stampa NEV ha rilasciato la seguente dichiarazione: 
"Si conclude una vicenda dai tratti paradossali: è paradossale che ad esprimere dubbi sulla possibilità di ricostruire adeguatamente la volontà di Eluana siano proprio coloro che si dicono contrari all’approvazione di una legge sul testamento biologico. E’ paradossale che a ricordare il fatto che Eluana andrà incontro a una morte atroce, la cui atrocità potrebbe essere alleviata, siano proprio coloro che si dicono contrari a un dibattito serio ed approfondito sull’eutanasia. Ritengo doveroso ribadire la posizione, mia personale e della Commissione bioetica della Tavola valdese, a sostegno della libertà di cura, che è sempre e contestualmente libertà di rifiutare la cura. La libertà individuale non va guardata con sospetto, non va identificata con l'arbitrio, va esercitata e rispettata. La mia speranza è che questa sentenza pungoli le coscienze e solleciti l’approvazione, da parte del Parlamento italiano, di una legge sulle direttive anticipate di fine vita".
Il Sinodo delle chiese metodiste e valdesi, massimo organo decisionale della piccola minoranza cristiana italiana, nell'agosto del 2007 aveva votato all’unanimità un ordine del giorno presentato dalla Commissione bioetica a favore di una legge sulle direttive anticipate di fine vita, meglio conosciute come “testamento biologico”. I 180 delegati, pastori e laici, hanno ritenuto che sia “principio di civiltà dare voce, attraverso una legge, alle scelte del malato compiute con coscienza e volontà e in previsione di una futura incapacità nell’esprimere validamente il suo pensiero”. 
(Per approfondimenti vedi http://www.chiesavaldese.org/pages/attivita/bioetica.php).

Fonti: Nev 
www.fedevangelica.it
www.chiesavaldese.org

Studiare Calvino in Sicilia


CALVINO A SCUOLA
Le chiese valdesi del XVI circuito, Sicilia, hanno preso, in vista del 2009, anno calviniano, una lodevole iniziativa. Hanno cioè proposto agli istituti scolastici medi e secondari interventi di persone qualificate per illustrare agli studenti gli aspetti più significativi della figura e dell’opera di questo personaggio tanto criticato quanto sconosciuto nel nostro paese. Avrà successo questa proposta? Ce lo auguriamo molto vivamente per loro e per tutti.



tratto da: www.chiesavaldese.org
in data: Sabato, 21 novembre 2008, ore 15.50

AOSTA - Importante iniziativa editoriale



Cordiale invito

Martedì 9 dicembre 2008
       alle ore 17,30

presso il Salone del Vescovado di Aosta

sarà presentato il libro

Dissidenza religiosa e Riforma protestante in Valle d'Aosta

di Leo Sandro Di Tommaso

Dopo l'accoglienza e il saluto
Sua Ecc.za Mons. Giuseppe Anfossi, Vescovo di Aosta

interverranno

Don Paolo Papone autore della Postfazione al volume
             il Pastore Valdese Alfredo Berlendis
e il Pastore Francesco Mosca, della Chiesa Avventista

info: 347.0957191
www.rogersarteur.com
editor@rogersarteur.com




Introduzione di Leo Sandro Di Tommaso

Questo lavoro si occupa soprattutto della storia della Riforma in Valle d’Aosta, che, nonostante le somiglianze con le vicende piemontesi, ha una specificità che non permette di assimilarla semplicemente ad esse, come ha fatto qualche studioso, anche illustre, del passato .
Infatti la Riforma in questo territorio si manifestò prevalentemente, con alcune vistose eccezioni relative alle parrocchie divenute luterane, come silenziosa adesione e duratura resistenza di circa settanta anni e come esplosione inaspettata rispetto alla fisionomia religiosa della popolazione, del clero e dell’aristocrazia.
Per questo essa si presenta a prima vista come un fenomeno apparentemente inspiegabile, un’isola nel mare magnum della tradizione cattolica, un periodo eccezionale.
Inoltre occorre dire che, sebbene non si sia mai “instaurata” una Riforma in Valle d’Aosta, le adesioni segrete o pubbliche al luteranesimo serpeggiarono tra le file del clero e del popolo con vigore ed estensione tali da preoccupare moltissimo le autorità, inducendole a intervenire drasticamente.
Potremmo paragonare la storia religiosa della Valle d’Aosta dall’alto Medio Evo alla Controriforma a un trittico che vede al centro incunearsi questo settantennio inopinato, mentre ai quadri laterali si situano due lunghi periodi di ortodossia, in cui, prima e dopo la Riforma, l’unica o quasi manifestazione di devianza fu la stregoneria.
La prima parte di questa ricerca rivela che questa zona importantissima delle Alpi ha presentato un assetto politico ed ecclesiastico che può forse spiegare, da un lato, la sua immunizzazione dalle eresie vere e proprie, e, dall’altro, un tipo di devianza religiosa che è tradizionale in zone simili alla Valle d’Aosta.
Per questo ho pensato che l’analisi della storia religiosa valdostana anteriore alla Riforma dovesse comprendere, oltre a un’indagine sul particolare intreccio tra storia ecclesiastica e storia politica, un’inchiesta sul movimento valdese medievale, poiché il valdismo e il catarismo rappresentano la punta più avanzata e significativa della contestazione religiosa a partire dal XII secolo.
Tale raffronto consente di capire come il territorio valdostano, diversamente dalle zone contigue e da altre plaghe con strutture socio-economiche simili, sia stato impenetrabile ai movimenti ereticali più significativi.
L’inchiesta sul valdismo medievale si basa sul confronto delle tipologie processuali relative, da una parte, alla stregoneria e, dall’altra, all’eresia, sebbene la stregoneria comprenda anche la condanna per eresia, in riferimento al patto con Satana, e sebbene la valdesia sia stata a un certo punto sinonimo di stregoneria.
Questa parte introduttiva, quindi, costituisce il necessario background di tutta la vicenda valdostana della devianza religiosa dalla stregoneria del secolo XV alla Riforma luterana e calvinista, dalla repressione della Riforma alla Controriforma, con la conseguente chiusura della Valle d’Aosta all’apporto del pensiero e della cultura europea fino alla metà del XIX secolo, dalla nuova successiva ondata di processi per stregoneria alla nascita e al modesto ma tenace radicamento del valdismo ottonovecentesco in questa regione .

Stando almeno alle fonti finora disponibili, due assenze colpiscono subito chi osservi attentamente questo quadro di riferimento: nel territorio valdostano non vi sono stati né sintomi che facciano pensare a un movimento riformatore “ortodosso”, coevo alla cosiddetta “riforma gregoriana” (910-1122), né tracce di movimenti ereticali, soprattutto del catarismo e del valdismo, eresie prìncipi, ampiamente presenti sia in aree rurali sia soprattutto nelle città al di là e al di qua delle Alpi e, tra le Alpi stesse, in zone anche agricole .
Questa è la prima sorpresa, anche perché movimenti di tal genere sono apparsi, come avremo modo di osservare, in località non così lontane dalla Valle d’Aosta. Infatti il catarismo era già vivo e operante nel XII secolo nell’intera valle del Po, in molte altre zone anche dell’Italia centrale, in Germania (che, secondo qualche storico, sembra essere stata la sua culla ), in molte plaghe della Francia, ma soprattutto nel sud, zona di vasto e profondo radicamento.
Il valdismo, poi, dalla fine del XII e poi a partire dal XIII secolo, da Lione si era diffuso a macchia di leopardo, dopo il breve periodo in cui si era manifestato come movimento di rinnovamento all’interno della chiesa romana, non solo nelle stesse zone in cui operavano i catari, ma anche in territori diversi sia dell’Italia sia dell’Europa.
Queste due assenze (nel mio lavoro non tratto del catarismo, anche se indirettamente l’inchiesta che conduco dimostra che era assente anch’esso) sono comunque in rapporto tra loro poiché la chiesa di Roma, che aveva accettato movimenti di protesta popolare – quale, per esempio, la Pataria milanese –, ritenuta conclusa la sua azione riformatrice con il concordato di Worms del 1122, richiese il titulus (cioè la qualifica specifica di chierico: diacono, prete, vescovo, ecc.) sia per l’esercizio del ministero della parola, sia per le azioni pratiche contro i preti simoniaci o concubinari. Per questo man mano i Patari e altri gruppi confluirono in gran parte nei nuovi movimenti ereticali, quale quello valdese o quello degli Umiliati.
Quindi l’assenza in Valle d’Aosta di movimenti ereticali, a partire dalla fine del XII secolo e soprattutto nel corso dei secoli XIII, XIV e XV, forse può essere spiegata anche con il precedente vuoto di iniziative di riforma in linea con l’azione papale.
Naturalmente occorrerà studiare e analizzare questo primo vuoto, cercando anche di trovarne la ragione: questo sarà uno dei compiti del presente lavoro.

Ma la Valle d’Aosta non mancò all’appuntamento della Riforma: anzi – ed ecco la seconda sorpresa – intorno agli anni Venti del Cinquecento, cioè in esatta coincidenza con l’inizio della Riforma di Lutero, l’intero territorio valdostano fu attraversato, in modo non dissimile dalle zone vicine della Savoia, del Piemonte, della Francia e della Svizzera, da un vero vento riformatore.
Non si può non rimanere sconcertati nell’osservare come in una zona in cui, fino alle soglie del 1500, la devianza religiosa si era manifestata esclusivamente come stregoneria e che in seguito ancora si manifesterà in forme simili, all’improvviso e contrariamente a tutto quel suo passato “ortodosso”, esploda la Riforma protestante che, serpeggiando e penetrando tra le file del clero, tra i nobili, tra il ristretto ceto borghese e tra il popolo, conquistò ampi consensi, protraendosi a lungo nonostante la dura repressione.
Questo fatto rende specifica la Riforma in Valle d’Aosta, dandole caratteristiche che non si vedono e che si appiattiscono se si inserisce questa fase della storia valdostana nell’ambito della Riforma in Piemonte.
Questo non toglie nulla al fatto che i fermenti e i movimenti, gli uomini e le idee che si manifestarono in Piemonte siano stati più rilevanti, tanto più che si espressero anche con scritti e personaggi di indiscusso valore, con eventi di grande portata, come l’adesione alla Riforma delle popolazioni delle tre valli valdesi: si vuole solo dire che la Valle d’Aosta ebbe una sua specificità che va salvaguardata e non va confusa con quelle di altre zone.
Ci si può anche chiedere se la straordinaria adesione alla Riforma per un territorio molto “ortodosso”, quale quello valdostano, possa rimettere in discussione tutto l’apparato storico-ideologico edificato per spiegare, in modi anche opposti, il periodo che va dall’XI al XVI secolo.
Non so se il presente lavoro darà una risposta valida ed esaustiva a questa domanda, anche se si propone di farlo: dico solo che gli studi finora esistenti sulla Riforma protestante in Valle d’Aosta non hanno esaminato la questione nel suo complesso, hanno minimizzato o negato, contro le stesse fonti, il luteranesimo, confondendolo anacronisticamente con il calvinismo, autorizzati dalla falsificazione di un documento avvenuta durante l’episcopato di Martini (1611-1621), e infine e soprattutto, hanno dato ragione degli eventi partendo soltanto dal punto di osservazione della Controriforma.
È interessante notare come le fonti stesse non tendano a minimizzare il fenomeno: anzi, attribuiscono il rigoglio della Riforma in Valle d’Aosta soprattutto a una sorta di tradimento del clero, che si manifestava nella perversa abitudine della commenda nelle parrocchie, nelle stesse comunità monastiche e nei due capitoli cittadini, nelle lunghe assenze episcopali, sia per sede vacante sia per incarichi politici dei titolari dell’episcopato, e nel lassismo liturgico che spesso faceva registrare sia l’assenza di libri per i riti sia del tabernacolo eucaristico nelle chiese; insomma, nello stato di generale abbandono del ministero da parte del clero.
L’insieme di tutte queste carenze, ma soprattutto la loro lunga durata, contribuì a incancrenire la situazione, creando in molti elementi del clero, in alcuni aristocratici, in taluni notabili e nel popolo, il desiderio di rinnovamento: il malcontento sfociò in volontà di “changer religion”, come si esprime il vescovo storico Duc.
Vedremo comunque che altre ragioni, altre forze, e in particolare la nuova situazione “aperta” del territorio valdostano, contribuirono alla fioritura della Riforma.

Riguardo alla critica del taglio storiografico controriformista, cui accennavo in precedenza, dichiaro che la mia non vuole essere una condanna: sarebbe da stolti non contestualizzare gli studi storici di qualunque periodo, come lo è non contestualizzare gli eventi storici in generale.
Oggi, poi, possiamo capire la radice profonda di quella storiografia, che in parte si giustifica con il silenzio dei protagonisti protestanti. Facendo, infatti, riferimento all’evento più consistente in termini cronologici e numerici, quale fu la diffusione del luteranesimo dagli anni Venti del Cinquecento alla morte del vescovo Ginod, avvenuta il 26 febbraio 1592, si può notare che solo le istituzioni e alcune figure importanti di parte cattolica hanno lasciato una messe di testimonianze ancora oggi largamente note. Anzi, lo scenario in cui si mossero istituzioni e leader non solo sono conosciuti ma talora sono stati mitizzati con la ricostruzione di un processo che, oltre a configurarsi come marcia trionfale del cattolicesimo, alla fine consolidò – come vedremo parlando del Conseil des Commis – lo stesso assetto politico valdostano che – oggi lo si può dire – fu tutto a favore degli interessi delle classi dirigenti, compresa la scelta di non accostarsi ai cantoni elvetici: un’occasione storica unica, mancata.
Al contrario, di fronte a tale mole di testimonianze di parte cattolica, per la parte riformata le figure importanti, provenienti dalle file del clero, dell’aristocrazia e dello sparuto ceto borghese, appaiono solo come un elenco di persone dai contorni imprecisi, mentre degli appartenenti agli strati popolari ben poco si sa al di fuori delle testimonianze che ne parlano come di un numero consistente.
Questa parte non ha lasciato documenti scritti, per cui l'analisi dovrà cercare di svelare, oltre il silenzio dei vinti, fatti e circostanze almeno probabili, desumendoli proprio dalle ricostruzioni storiografiche di parte e quasi scavandone le fondamenta.
Altra questione di rilievo è quella delle narrazioni e ricostruzioni sulla presenza di Calvino in Valle d’Aosta, su cui si sono esercitati in passato storici ed eruditi cattolici e protestanti: in questo libro il problema sarà affrontato a partire dalla prima timida apparizione dell’aggettivo “Calvinium” al posto di “Lutheranum” nella copia “B” del Catalogus di Jean-Ludovic Vaudan (o Voudan, come lo stesso autore scrive talora il suo cognome). L’analisi della fonte vaudaniana cercherà di far luce sui motivi che possono aver spinto a correggere i testi originari, adattandoli alla costruzione della leggenda alla quale non credeva neppure Jean-Baptiste de Tillier.

Mentre la lunga durata dell’adesione alla Riforma è indice significativo di strenua resistenza, la vicenda dei protagonisti della Controriforma in Valle d’Aosta presenta un groviglio di intrecci politico-religiosi che la rendono, al suo interno, contraddittoria se non addirittura cangiante a seconda dei vari personaggi che si susseguono sulla scena politico-ecclesiastica valdostana.
Sarà proprio questo intreccio, insieme con il continuo rimando alla folla quasi anonima dei protestanti valdostani, a dare il taglio alla mia trattazione. La quale, quindi, si presenta strutturata con continui interscambi che cercano di restituire al lettore la dialettica tra la politica e la religione dei potenti, che spesso si scambiavano le parti, e quello che si riesce a intravedere della fede di coloro che volevano un cambiamento.
Questa impostazione non credo sia dissimile dalle storie della Riforma finora note, sebbene esse trattino anche gli aspetti più propriamente teologici; ma altrove i riformatori scrissero opere, dibatterono problemi, presero decisioni; elementi che, come si è detto, non si ritrovano nel pur vasto e radicato movimento riformatore valdostano.
Ma questa modesta storia di una Riforma “regionale” intende soltanto e semplicemente riflettere sulle peculiarità del movimento riformatore così come si manifestò in questo territorio.

Leo Sandro Di Tommaso







PREFAZIONE di Giuseppe Sergi


Dagli antichi insegnamenti universitari verso cui dimostra generosa gratitudine, Leo Sandro Di Tommaso avrebbe dovuto trarre due divieti: non occuparsi della regione che abita e, neppure, di temi che potessero sfiorare le scelte personali di fede. A molti sembrerà improponibile, ma lo storico perfetto è quello che prova il massimo disinteresse per l’oggetto delle sue ricerche. Invece l’autore di questo libro, dalla tesi di laurea fino ad anni recenti, non ha evitato quei terreni potenzialmente minati. Credo che l’abbia saputo fare nel modo più corretto e rigoroso possibile proprio perché consapevole della necessità di esorcizzare inclinazioni individuali e ambientali attivando, in più, una procedura che può dare frutti: la dialettica culturale fra individuo e ambiente.
Alla solida formazione filologica, alla scrupolosa propensione all’accertamento sistematico delle fonti e dei fatti, Di Tommaso ha infatti sempre aggiunto una positiva “cultura del sospetto”: sospetto verso ciò che si è sempre ripetitivamente affermato; sospetto verso sistemi di valori acriticamente condivisi; sospetto, soprattutto, verso l’uso pubblico e politico della storia.
Dunque l’autore di questo libro non è stato drastico nell’attenersi agli imperativi qui ricordati all’inizio, ma in un certo senso ne ha sempre mantenuto lo spirito. Come molti suoi colleghi (insegnanti e bibliotecari, archivisti e operatori culturali) ha dato e continua a dare all’Università la sensazione di essere utile in un modo diverso dal semplice conferimento delle lauree: con fili che non si interrompono, tratti di percorsi comuni fra docenti ed ex-allievi, produzione di ricerche che possono, senza affatto sfigurare, essere pubblicate in periodici scientifici.
Le pagine che seguono non sono tuttavia esito di una semplice applicazione di tecniche storiografiche imparate e progressivamente affinate. Sono il frutto di un metodo reso articolato e complesso da una ricerca personale di equilibrio fra schedatura delle fonti e stimoli delle proprie letture, non sempre erudite e non necessariamente specifiche. C’è, in questo, una trasparenza di cui può giovarsi il lettore, che invece di trovarsi alla prese con note adatte solo a iniziati, trova anche citazioni di Friedrich Engels e di Marc Bloch, antiche questioni della grande storia, poste dal primo, e conclusioni rimaste insuperate, raggiunte dal secondo.
Tre sono le domande a cui il libro intende rispondere: ci sono stati preannunci del movimento riformatore in Valle d’Aosta? Quali caratteri ha avuto questo movimento fra i secoli XV e XVII? Se non si hanno prove del passaggio di Calvino in valle, perché la sua presenza è entrata a far parte di una sorta di mito fondativo della regione?
La prima domanda ha dato luogo a un consistente numero di pagine dedicate al medioevo, dal secolo XI al XIV. Troviamo due nozioni di ortodossia: quella romana - sviluppata dalla riforma gregoriana del secolo XI - e quella della ricerca dottrinale da parte di movimenti di fedeli che antepongono la perfezione all’obbedienza, l’ansia di salvezza all’accettazione di compromessi istituzionali: e di questi movimenti la Valle d’Aosta sembra priva. Prima l’assenza di mobilitazioni pauperistiche assimilabili alla Pataria lombarda, poi l’agire convergente di poteri laici ed ecclesiastici, spiegano una lettura tutta in chiave di stregoneria di tutte le manifestazioni ereticali che dovevano essere perseguite: trasmesse dalle fonti, dunque, non come fermenti religiosi, bensì come vere e proprie forme di devianza. Nel Quattrocento valdostano - secondo uno schema reperibile anche nella Svizzera Romanda e in Savoia - la definizione “valdese” non aveva valore specifico, ma era applicata a presunte attività stregonesche.
Di Tommaso compie un’indagine iniziale, su più di quattro secoli, senza cedere alla tentazione di cercare sviluppi unidirezionali. Si è attenuto a una redditizia procedura: individuare campi cronologici posti, sì, in successione, ma valorizzati soprattutto per allargare volta per volta il contesto, mai esclusivamente valdostano e, al tempo stesso, mai desunto passivamente dalla storia generale. Dà il giusto peso a un diminuito interesse sabaudo, dopo Umberto III, per i poli ecclesiastici dell’abbazia di St.-Maurice-d’Agaune e della sede vescovile di Aosta, che hanno in parte perduto il precedente ruolo di radicamento e di legittimazione. Rileva, sul piano della vita associata e dei rapporti fra nobiltà e ceto mercantile, un adeguamento valdostano alla temperie sociale complessiva (in particolare del regno italico) con almeno mezzo secolo di ritardo. Valorizza giustamente alcuni decenni che la migliore ricerca sul dissenso religioso ha individuati come cruciali: quelli compresi fra il Dictatus Papae di Gregorio VII (1075) e il concordato di Worms del 1122, aiutandoci a ricordare che non bisogna essere precipitosi nel sovrapporre l’affermazione del centralismo romano e la lotta per le investiture.
Nel Trecento la Valle d’Aosta non era stata neppure luogo di rifugio per i Dolciniani, e questa constazione accompagna l’autore verso la seconda domanda e verso la parte centrale del suo lavoro: dall’assenza di preannunci medievali di dissidenza religiosa alle espressioni locali della Riforma e della Controriforma nella prima età moderna. Non è una semplice successione cronologica: quell’assenza spiega alcuni caratteri della riforma valdostana e del suo superamento. Il successo della nuova predicazione fu immediato e notevole, forse per la grande quantità di diritti politici in mano alle chiese, sicuramente perché i fedeli lamentavano l’assenteismo dal lavoro pastorale di molti chierici, impegnati a occuparsi dei proventi delle cariche ecclesiastiche assegnate per commenda. Il quadro socio-politico del Cinquecento valdostano appare cristallizzato, carente di borghesia e saldo nel suo inquadramento entro il principato sabaudo: non solo non ci sono le condizioni per l’importazione di un modello cantonale di tipo elvetico, ma la fortuna iniziale della riforma non si può attribuire a ‘responsabilità’ esterne, secondo un’ispirazione “gallicana”, bensì a predicazioni provenienti dal mondo stesso dei fratres cattolici, in particolare da Ivrea.
Di Tommaso - grazie anche alla sua capacità di tener conto, insieme, di uno “scenario geo-politico” non limitato alla valle ma anche di valutare le specifiche attestazioni locali - ci introduce al tema della gradualità e della provvisorietà. Parrocchie che passano “a una forma di luteranesimo” testimoniano di fasi in cui non si sta da una parte o dall’altra, in cui non ci sono repentine conversioni di massa, in cui si sperimentano forme di vita religiosa in cui sono ampie le aree grigie fra due diverse concezioni dell’ortodossia. Poi, a metà del Cinquecento, i protestanti valdostani si rifugiano nel silenzio, e da lì al primo Seicento la Controriforma non si limita a un’azione di recupero, conduce una vera lotta, con poteri coordinati fra loro perché il contesto regionale lo consente: il vescovo Pietro Gazino, il visconte René de Challant, il duca Emanuele Filiberto. Si costruisce la “cittadella della cattolicità” che funge da barriera, interrompendo i suoi rapporti con la Svizzera.
Grazie a tutte queste acquisizioni, la terza domanda (sulla leggenda dotta della presenza di Calvino in valle nel 1536) dà occasione di un vero esercizio di metodo. Perché Duc, in particolare, voleva negare fermenti protestanti locali precedenti il 1536 (e si vede in questo libro che aveva buone ragioni), ma voleva anche sostenere una generale refrattarietà valdostana (non vera, invece) rispetto al dissenso religioso, di cui gli piaceva sottolineare il carattere d’importazione. Curiosamente, in questa operazione di fondamento di un mito fra Seicento e Ottocento, si realizzò una convergenza con gli storici protestanti. Anch’essi istintivamente volevano nascondere qualcosa: per valorizzare la grande itineranza della predicazione - e il peso dei centri transalpini di elaborazione dottrinale - occorreva mettere tra parentesi l’attività più locale dei predicatori eporediesi e dei parroci sperimentatori. Dall’una e dall’altra parte, dunque, storia ‘usata’, piegata a fini propagandistici, da diversi fronti in grado di fornire materiale per un’unica costruzione identitaria. Di Tommaso ci accompagna in una visita ‘nella’ storia ma anche ‘sulla’ storiografia: con lo scopo del necessario restauro della sua neutralità.

Giuseppe Sergi








Postfazione di Paolo Papone:

Davvero benvenuto il lavoro di Leo Sandro Di Tommaso! La storiografia valdostana ha una tradizione antica, e pertanto presenta i pregi e i difetti di chi deve fare i conti con una eredità cospicua e stratificata. Ci furono tempi nei quali il racconto storico si impastava anche con i "si dice" e – quando era in gioco la religione – con l'argomento teologico della "convenienza", ovvero, considerando il contesto e la presunta statura morale dei personaggi, la convinzione che lo sviluppo degli eventi non potesse non seguire una certa logica, anche se nessun dato veniva a suffragarla. È chiaro che in tale prospettiva entrava una massiccia dose di soggettività arbitraria a condizionare non soltanto le valutazioni, ma anche la narrazione dei fatti. Oggi ci sentiamo più smaliziati, nonché fortunati fruitori di archivi finalmente ordinati, e tuttavia non siamo affatto convinti di poter attingere la reale oggettività dei fatti. Per avvicinarci un po' di più a questa meta, pare che non vi sia alternativa al dialogo tra prospettive diverse. Ecco perché accogliamo con gratitudine questa ricerca, questa nuova fatica editoriale.
In fondo, coloro che, poco o tanto, hanno percorso i sentieri della storia valdostana, soprattutto in chiave religiosa, si riconoscono tutti eredi di mons. Joseph-Auguste Duc, dalla cui opera monumentale hanno attinto e bevuto con labbra ora voraci, ora schifiltose. Perché i dieci volumi dell'Histoire de l'Eglise d'Aoste sono come le chiese costruite durante l'episcopato di mons. Duc: magniloquenti, verrebbe da dire esagerate, trionfalistiche, comprensibili come risposta a un clima socio-culturale che cercava di ridimensionare i vari aspetti della presenza della chiesa cattolica. Con questa impostazione, la storiografia di impronta duchiana ovviamente non andava in ricerca delle voci critiche, oppure le ridimensionava, facendone episodi marginali che non mettevano in pericolo la massiccia unità di fede e di morale del popolo valdostano.
Per far risaltare il colore della riforma protestante nella trama della storia valdostana, era proprio necessaria una voce riformata, quella che risuona in queste pagine. Si tratta di un lavoro insostituibile, per il fatto che nessun cattolico (ma anche nessun ateo o agnostico) si è finora occupato a fondo né forse si occuperà di una realtà, quella della riforma in Valle d'Aosta, che, stando ai numeri, non parrebbe avere grande rilevanza, mentre, guardata da un'altra prospettiva, diventa una cartina di tornasole delle dinamiche interne sociali, religiose e politiche di un segmento importante della nostra storia.
Proprio come nel leggere il vescovo Duc, anche qui si potrebbe sospettare troppa parzialità, opposta ma uguale a quella dell'illustre predecessore. Invece l'acribia storica di Leo Sandro Di Tommaso non è inficiata dal suo entusiasmo, perché il suo "interesse" è palesato fin da subito: il lettore non fatica a "far la tara", mentre viene utilmente e vivacemente stimolato a evitare una ottusa ripetizione del già detto. Proprio da cattolico, come rappresentante ordinato di quella chiesa cattolica che nel XX secolo ha perso gran parte della gloria mondana che fino a poco prima la assomigliava e la associava ai poteri di questo mondo, e che ora si è riconosciuta un po' più libera di camminare sulle vie del vangelo, leggo con molto interesse queste pagine, come uno che dalla sua finestra guarda un grande albero e chiede al dirimpettaio di raccontargli che cosa vede, di quell'albero, dalla sua finestra. Nel raccontarci vicendevolmente quel che vediamo, entrambi conosciamo molto meglio la realtà.

Paolo Papone





**********************************************************************************

Leo Sandro Di Tommaso 
della Chiesa Evangelica Valdese di Aosta
  


BIOGRAFIA dell'autore tratta dal sito: www.rogersarteur.com
in data: Sabato 21 novembre 2008.


Leo Sandro Di Tommaso

Leo Sandro Di Tommaso, insegnante e ricercatore, ha pubblicato saggi di medievistica (Comunità cittadina e potere signorile nell'Aosta medievale in Aosta; La vicenda storiografica delle franchigie aostane), e ricerche sulla dissidenza religiosa (La Riforma protestante in Valle d'Aosta. Una lunga e silenziosa resistenza tra guerra e neutralità armata in un crocevia dell'Europa; Calvino ad Aosta. Nascita e sviluppo di una leggenda politico-religiosa; Valdesi in Valle d'Aosta. Percorsi religiosi e culturali di una minoranza religiosa radicata nel territorio [1848-1950, 1951-2001]). I saggi sulla Riforma e su Calvino sono confluiti, dopo una puntuale revisione e con l'aggiunta della prima parte, nel volume che ora avete sotto mano. L'autore è membro del CRISM (Centro di Ricerca sulle Istituzioni e le Società Medievali) e del gruppo valdostano di corrispondenza del Bollettino Storico-Bibliografico Subalpino. Ha tenuto conferenze e scritto articoli di carattere storico, teologico e letterario, tra cui: Airesis/Eresia: le vie della ricerca della verità nelle eresie. I casi del valdismo e del catarismo; Il dissenso religioso in Valle d'Aosta in tre fasi cruciali della storia europea. Dalla devianza stregonica alla presenza valdese (secolo XII-metà del secolo XIX). Due saggi sono stati pubblicati nei Seminari della Fondazione Federico Chabod, di cui è stato presidente.
**********************************************************************************


DISSIDENZA RELIGIOSA E RIFORMA PROTESTANTE

Dopo i vari saggi usciti dagli anni Ottanta fino a oggi e il volume sui Valdesi in Valle d’Aosta, vede la luce in questi giorni un nuovo libro di Leo Sandro Di Tommaso, intitolato: Dissidenza religiosa e Riforma protestante in Valle d’Aosta. Il volume, edito dalla giovane casa editrice Roger Sarteur (che con questo libro aggiunge un nuovo ramo ai suoi prodotti), sarà presentato in Vescovado il 9 dicembre alle 17.30: presentazione significativa dello spirito ecumenico attribuito al lavoro di questo autore, di cui fa fede la Postfazione di Don Paolo Papone, mentre le prerogative scientifiche sono certificate, oltre che dallo stesso Papone, soprattutto dalla Prefazione dell’insigne medievista Giuseppe Sergi, da cui traiamo l’impianto per questa segnalazione.
Dice Sergi che Di Tommaso ha scritto pagine che “non sono esito di una semplice applicazione di tecniche storiografiche […], ma frutto di un metodo reso articolato e complesso da una ricerca di equilibrio fra schedatura delle fonti e stimoli delle proprie letture, non sempre erudite e non necessariamente specifiche”. “C’è, in questo - prosegue Sergi - una trasparenza di cui può giovarsi il lettore, che invece di trovarsi alla prese con note adatte solo a iniziati, trova anche citazioni di Friedrich Engels e di Marc Bloch, antiche questioni della grande storia, poste dal primo, e conclusioni rimaste insuperate, raggiunte dal secondo”.
Tre sono le domande a cui il libro intende rispondere: ci sono stati preannunci del movimento riformatore in Valle d’Aosta? Quali caratteri ha avuto questo movimento fra i secoli XV e XVII? Se non si hanno prove del passaggio di Calvino in valle, perché la sua presenza è entrata a far parte di una sorta di mito fondativo della regione? 
Di Tommaso risponde alla prima domanda “con un consistente numero di pagine dedicate al medioevo, in cui la Valle d’Aosta appare priva di mobilitazioni pauperistiche assimilabili alla Pataria lombarda, mentre l’agire convergente di poteri laici ed ecclesiastici spiegano una lettura tutta in chiave di stregoneria di tutte le manifestazioni ereticali che dovevano essere perseguite”. 
Per questo – ed ecco la risposta alla seconda questione – il successo della nuova predicazione riformata, immediato, notevole e straordinariamente coèvo agli eventi europei, appare come un’isola nel mare magnum dell’ortodossia precedente. Il quadro socio-politico del Cinquecento valdostano appare cristallizzato, carente di borghesia e saldo nel suo inquadramento entro il principato sabaudo: “non solo non ci sono le condizioni per l’importazione di un modello cantonale di tipo elvetico, ma la fortuna iniziale della Riforma non si può attribuire a ‘responsabilità’ esterne, secondo un’ispirazione ‘gallicana’, bensì a predicazioni provenienti dal mondo stesso dei fratres cattolici, in particolare da Ivrea”. L’autore - grazie anche alla sua capacità di tener conto, insieme, di uno “scenario geo-politico” non limitato alla valle ma anche di valutare le specifiche attestazioni locali - ci introduce al tema della gradualità e della provvisorietà. Parrocchie che passano “a una forma di luteranesimo” testimoniano di fasi in cui non si sta da una parte o dall’altra, in cui non ci sono repentine conversioni di massa, in cui si sperimentano forme di vita religiosa in cui sono ampie le aree grigie. I protestanti valdostani si rifugiano nel silenzio, mentre fino al primo Seicento il cattolicesimo conduce una vera lotta con poteri coordinati fra il vescovo Pietro Gazino, il visconte René de Challant e il duca Emanuele Filiberto. Si costruisce la “cittadella della cattolicità” che funge da barriera, interrompendo i suoi rapporti con la Svizzera.
La risposta alla leggenda di Calvino è “un vero esercizio di metodo”. Duc, in particolare, voleva negare fermenti protestanti locali precedenti il 1536 (e si vede in questo libro che aveva buone ragioni), ma voleva anche sostenere una generale refrattarietà valdostana (non vera, invece) rispetto al dissenso religioso, di cui gli piaceva sottolineare il carattere d’importazione. Curiosamente, in questa operazione di fondazione di un mito, fra Seicento e Ottocento si realizzò una convergenza con gli storici protestanti. Per valorizzare la grande itineranza della predicazione e il peso dei centri transalpini di elaborazione dottrinale, essi misero tra parentesi l’attività locale dei predicatori e dei parroci sperimentatori. Dall’una e dall’altra parte, dunque, storia ‘usata’, piegata a fini propagandistici, da diversi fronti in grado di fornire materiale per un’unica costruzione identitaria. Di Tommaso ci accompagna in una visita ‘nella’ storia ma anche ‘sulla’ storiografia: con lo scopo del necessario restauro della sua neutralità.











BIELLA Tavolo delle Religioni - Comunicato Stampa della Prefettura

COMUNICATO STAMPA

La Prefettura di Biella presenta a Città Studi
“La Carta dei valori: diritti e doveri”

Prefettura di Biella
Ufficio Territoriale del Governo
Ufficio di Gabinetto
COMUNICATO STAMPA

La Prefettura di Biella presenta a Città Studi
"La Carta dei valori: diritti e doveri"

Il 19 novembre scorso si è svolta, presso l’Auditorium di Città Studi di Biella, la Conferenza-dibattito dal titolo “La Carta dei valori: diritti e doveri”.
L’iniziativa, promossa dalla Prefettura di Biella con il Tavolo permanente del dialogo interreligioso e con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Provinciale, ha registrato la presenza di oltre quattrocento persone, fra cui numerosissimi studenti in rappresentanza degli Istituti Superiori del capoluogo e della provincia e varie personalità del mondo delle istituzioni e della cultura.
Il convegno si è aperto con un saluto introduttivo del Prefetto Narcisa Brassesco che ha illustrato la genesi e le finalità del documento, soffermandosi in particolare sulla necessità di favorire una reale integrazione fra i cittadini ed immigrati, fondata sull’uguaglianza dei diritti e delle responsabilità.
E’ seguita una breve prolusione a cura del moderatore, Prof. Andrea Giorgis, ordinario di diritto costituzionale nella facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Torino.
L’incontro ha suscitato un vasto interesse del pubblico e, soprattutto, degli studenti che hanno animato un vivace dibattito ponendo interessanti domande ai relatori, individuati dalle diverse confessioni religiose presenti sul territorio.
Il razzismo e la paura del diverso, la parità dei diritti al di là delle differenze di cultura, sesso e religione, il dialogo come valido strumento per contrastare l’intolleranza etnica e il fondamentalismo religioso, il significato del concetto di integrazione, il matrimonio e la famiglia sono stati oggetto di discussione ed approfondimento.
Partecipando attivamente ai lavori, dai quali è emerso che la scuola è luogo privilegiato di incontro tra culture eterogenee ma non più lontane, i ragazzi hanno dato prova di grande curiosità ed interesse, contribuendo in maniera determinante alla riuscita dell’iniziativa.
Biella, 20 novembre 2008

L’addetto stampa
Lanini